Specchio specchio delle mie brame

 

Il set in e' stato volutamente preparato ad hoc

grazie alla frequentazione assidua da parte del gufo.

L'utilizzo di fototrappole commerciali mi ha permesso di studiarne le abitudini i posatoi preferiti e preparare cosi' meticolosamente il set per la scena.

Nello specifico il soggetto ritratto  arrivava sul posatoio preparato per poi saltare giu' e dirigersi verso l'acqua.

La sua sistematicita' mi ha consentito

di sistemare i sensori di movimento e delimitare i bordi della pozza per evitare che entrasse da altri punti non sorvegliati.

Nella composizione finale ho tenuto conto del crop per nascondere i sensori  laterali e il flash .

Un altra accortezza e' stata nel posizionare il flash frontale in maniera che illuminasse solo il corpo del gufo lasciando buia la parte inferiore della pozza ed accentuarne cosi' il riflesso.

Reduce dalle precedenti esperienze e questa volta

con un pizzico di fortuna in piu' sono riuscito finalmente nel mio intento ossia ritrarre lo strigide riflesso nella pozza d'acqua.

Le metodiche sono per lo piu' le stesse , ma in questo caso i calcoli si sono rivelati vincenti consentendomi di portare a termine il lavoro iniziato esattamente 2 anni  prima.

 

Dosare la potenza dei flash e la loro dislocazione influisce molto sia sul risultato finale della foto sia sul risparmio energetico.

Io utilizzo un minimo sempre di 2 unita' flash.

Frontale e  posteriore / laterale per staccare il soggetto dallo sfondo .

Per avere  risultati eccellenti ne occorrerebbero almeno 3 che permetterebbero di avere una diffusione della luce piu' omogenea e completa, schiarendo le ombre e risaltando i dettagli e i colori dell'ambiente .

 

Le impostazioni di scatto possono essere diverse in queste condizioni.

Alcuni prediligono lunghe esposizioni  con diaframmi chiusi per avere una maggiore profondita' di campo e aumentare la possibilita' di mettere a fuoco il soggetto .Questo se si prevede che l'animale non fara' grandi movimenti.

Altri come me preferiscono utilizzare tempi di sicurezza in base alla focale utilizzata.

Cosi ad esempio se utilizzate un 18 mm su aps avrete un 30mm di focale equivalente e aggiungiendo 2 stop di sicurezza potrete scattare ad 1/100 con f9 iso 400-800.

Gli iso potrete abbassarli in base al numero di flash che utilizzate ovviamente.Maggiore sara' il numero di flash piu' potrete abbassare gli iso esponendo correttamente.Sarebbe anche auspicabile  sperimentare qualcosa di nuovo qualora le condizioni ve lo consentissero.Le sorprese spesso sono dietro l'angolo.

Nell'immaggini sotto il confronto della stessa  utilizzando rispettivamente 1 e 2 unita' flash

 

Utilizzo di un solo flash frontale che rende l'immagine piatta .

 

La stessa immagine utilizzando 2 flash uno frontale e uno laterale per risaltare la sagoma e staccare il soggetto dallo sfondo.

Maurizio Biasco all reserved